Archivio Articoli

Salita ad una cima poco conosciuta dell’alta Val Germanasca. Si lasceranno le macchine a Bout du Col (Prali) percorrendo una strada sterrata generalmente in buone condizioni. Da Bout du Col si prosegue per il Passo Frappier seguendo un ripido sentiero che, con una serie di tornanti, ci porterà prima al colle e poi sulla cima.

Materiale: scarponcini, zaino ed abbigliamento adeguato alla stagione ed alla quota.
Difficoltà: EE.
Dislivello: 1500m, tempo di salita previsto ore 4:00.

Referente: Ezio Ferrero

Scarica il volantino

Da Sant’Anna di Valdieri si seguono le indicazioni per il rifugio, su ripida stradina a destra della strada per le terme. Si sale su comoda mulattiera, che si ripida sale da dietro al paese, in un bosco di faggi. Si raggiunge il Gias del Prato (1530m) e la pendenza si fa dolce ed il vallone si allarga. Si procede sul lato sinistro idrografico fino al Gias del Chiot (1700m), e si risale l'ultima parte del vallone fino al lago Sottano della Sella, sì svolta a sinistra si supera il torrente su un ampio ponte ed in 10 minuti si giunge al rifugio con splendida vista sul lago e sulla testata di valle.

Materiale: scarponcini, zaino ed abbigliamento adeguato alla stagione ed alla quota.
Difficoltà: E.
Dislivello: 900m.

Referenti: Luca Palmero, Claudio Boetti

Scarica il volantino

Una perla negli Écrins poco conosciuta all’alpinismo di massa, proprio per questo pieno di fascino d’altri tempi. Il primo giorno si parte dalla Berarde (1720m) per raggiungere il rifugio della Pilatte (2572m) su un percorso lungo e pianeggiante. Il secondo giorno si percorre il ghiacciaio omonimo fino a raggiungere il colle, il percorso non troppo faticoso ma che richiede attenzione, crepacci, seracchi e scelta del percorso (per altro sempre ben tracciato). Il tutto è un percorso affascinante in un ambiente selvaggio. Da qua, per una facile cresta si raggiungere la cima.

Materiale: imbrago, corda, scarponi, ramponi, piccozza ed abbigliamento adeguato alla quota ed alla stagione.
Difficoltà: PD.
Dislivello complessivo: 1585m.
Tempo di salita: 1° giorno ore 4:00 (852m) , 2° giorno ore 5:00 (1097m).

Referenti: William Pons (334.5984642 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.), Michele Ferrero

Scarica il volantino

Da Pragelato saliamo in un bosco di larici fino ad una bergeria, poi a destra in un piccolo avvallamento, verso la vetta, pietrosa ma non difficile.

Materiale: scarponcini, zaino ed abbigliamento adeguato alla stagione ed alla quota.
Difficoltà: EE (si richiede un buon allenamento).
Dislivello: 1523m, tempo di salita previsto ore 4.

Referenti: Ferruccio Clot, Ezio Ferrero

Scarica il volantino