Calendario Gite 2017

I programmi delle gite sono esposti nella bacheca della sezione, sulla nostra pagine Facebook e qui sotto almeno la settimana prima dello svolgimento.

In sede inoltre è possibile trovare il materiale tecnico e alpinistico a disposizione dei soci e le informazioni necessarie

Le iscrizioni si ricevono in sede o via telefono tramite i membri del direttivo.

Per le escursioni si prevede normalmente l'utilizzo di mezzi propri. Per gli spostamenti in autobus è necessario confermare la presenza versando una caparra stabilita di volta in volta.

In considerazione dei rischi connessi allo svolgimento delle attività in montagna, i partecipanti alle gite sociali liberano la sezione del CAI e i referenti di ogni forma di responsabilità per qualsiasi genere d'incidente che possa verificarsi nel corso della gita.

Scarica il calendario in PDF

14 Gennaio - [Escursionistica] Sentiero dei "7 ponti" (Val Chisone)

Escursione lungo l’antico sentiero che da Dubbione porta a Gran Dubbione percorrendo il sentiero dei 7 ponti. Lo scopo dell’escursione è quello di raggiungere Rocceria in tempo per assistere allo spettacolo itinerante “Lasne Cantè” che tra una canzone e l’altra ci porterà in giro per le borgate della vallata. Al termine, ci sarà la cena alla “Beppa”.

Materiale: scarponcini, pila frontale ed abbigliamento adeguato alla stagione ed alla quota.
Altitudine massima: 1100m.
Difficoltà: E.
Dislivello: 550 m, tempo di salita previsto ore 3:00.

Referente: Direttivo

Maggiori dettagli

22 gennaio – [Didattica] Utilizzo dell’ARTVA

ARTVA, pala e sonda, indispensabili strumenti per la sicurezza sulla neve. Come usarli e come comportarsi in caso di necessità. Giornata dedicata alla didattica con un pizzico di competizione goliardica a squadre con prove a tempo di salita, ricerca ARTVA e disseppellimento travolto (simulato). La località della sfida sarà decisa in base alle condizioni della neve.

Materiale: sci / ciaspole, ARTVA, pala, sonda, abbigliamento adeguato alla quota ed alla stagione.
Difficoltà: E.
Dislivello: 500 m, tempo di salita previsto ore 3:00.

Referenti: Ferruccio Clot, Michele Ferrero

29 gennaio – [Ciaspole] Punta Ostanetta 2385m (Valle Po)

La Punta Ostanetta è situata sullo spartiacque tra la Valle Po e la Val Pellice. L’escursione e adatta a tutti i tipi di età e per la sua collocazione e uno dei più spettacolari balconi panoramici del Monviso, per gli amanti della fotografia sarà un’ottima occasione per fotografarlo.  L’uscita è adatta anche a chi si vuole avvicinare per la prima volta al mondo delle ciaspole. In caso di assenza di neve, l’escursione sarà fatta ugualmente.

Materiale: ARTVA, pala, sonda, scarponcini, bastoncini, ciaspole ed abbigliamento adeguato alla quota ed alla stagione.
Difficoltà: E.
Dislivello: 900m, tempo di salita previsto ore 3:00.

Referente: Emilio Clot (347.6229089)

12 febbraio – [Ciaspole] Rifugio Toesca 1710m (Val Susa)

Da San Giorio in Val di Susa svoltiamo a sinistra verso la borgata Città, procediamo se possibile fino a Travers da Mont, dove lasciamo le auto (1285m). Inforcate le ciaspole procediamo su un facile sentiero verso il Rifugio Amprimo (1385m), proseguiamo in un canalone verso una bergeria, e successivamente su di un sentiero più ripido al Rifugio Toesca.

Materiale: ARTVA, pala, sonda, scarponcini, bastoncini, ciaspole ed abbigliamento adeguato alla quota ed alla stagione.
Difficoltà: E.
Dislivello: 485m, tempo di salita previsto ore 2:00.

Referente: Ferruccio Clot

25, 26 febbraio – [Sci Alpinistica / Ciaspole] Col de la Buffère 2427m (Val de la Claré)

Due giorni con ciaspole o sci nella splendida zona della Val de la Claré, vicino a Briançon. Il primo giorno raggiungeremo il Refuge de Buffère (2076m) attraverso una comoda stradina nel bosco per poi avventurarci fino al Col de la Buffère. La sera festa nel rifugio ed il giorno seguente effettueremo la salita alla Crête de Baude (2571m), bellissimo itinerario di scialpinismo/ciaspole.

Materiale: sci/ciaspole, ARTVA, pala, sonda, frontale ed abbigliamento adeguato alla stagione ed alla quota.
Difficoltà: BSA.
Dislivello: 700m fino al rifugio, 300m per il Col de la Buffere e 450m per la Crête de Baude.
Tempo di salita: ore 2:00 per il rifugio, ore 1:00 per il Col de la Buffere e ore 1:30 per la Crête de Baude.

Referenti: Silvia Reynaud (340.0512903 – Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.), Michele Ferrero

12 marzo – [Sci Alpinistica] Traversata da Pragelato al Lago del Laux (Val Chisone)

Partenza da Pattemouche (1605m) e salita fino alla cima del Morefreddo (2769m) salendo dalla pista “Belot” di Pragelato. Discesa su Valloncrò e risalita al Colle dell’Albergian da dove l’itinerario proseguirà scendendo verso il lago del Laux. Il giro sarà effettuato solo nel caso in cui ci siano le condizioni per garantire la sicurezza dei partecipanti.

Materiale: sci, ARTVA, pala, sonda ed abbigliamento adeguato alla stagione ed alla quota.
Difficoltà: BSA.
Dislivello: 1550m.
Tempo di salita: ore 3:30 per il Morefreddo, ore 1:00 per risalire al colle dell’Albergian.

Referenti: Michele Ferrero, Loris Dal Cerè

19 marzo – [Ciaspole] Monte Cotolivier 2105m (Val Susa)

Da Oulx si sale sulla strada asfaltata con indicazioni Cotolivier, dove nei pressi di un vasto complesso residenziale si lascia l'auto. Si prosegue lungo la strada che entra nella pineta, e dopo poco sulla sinistra si stacca il sentiero che permette di effettuare numerosi tagli ai lunghi tornanti. Sentiero ottimamente segnato con cartelli che sale talvolta sostenuto nel fitto bosco, sbucando poi a Pierremenaud dove il panorama si apre. Si continua a monte delle case per un bel prato, raggiungendo un'area pic-nic. Qui si prosegue su strada o sul sentiero che corre parallelo sulla destra, giungendo a Vazon.  Si alternano tratti di strada ad altri con possibili tagli molto evidenti, giungendo infine ad un bivio nei pressi di un colletto. Si continua a destra con un'ultima tagliata raggiungendo la cappella bianca posta in cima.

Materiale: ARTVA, pala, sonda, scarponcini, bastoncini, ciaspole ed abbigliamento adeguato alla quota ed alla stagione.
Difficoltà: E.
Dislivello: 957m.

Referenti: Luca Palmero, Silvano Damiano

9 aprile – [Escursionistica] Villefranche con il CAI Varazze

Itinerario ad anello che ci porterà a percorrere l’entroterra del sud della Francia nei pressi di Villefranche. Il percorso passa attraverso la macchia mediterranea toccando le fortificazioni presenti in zona e scende al porto vecchio di Nizza, da dove percorreremo l’antico sentiero costiero che ci porterà al punto di partenza. La gita sarà effettuata con il pullman.

Materiale: scarponcini, zaino ed abbigliamento adeguato alla stagione ed alla quota.
Difficoltà: E.
Dislivello: 350m, tempo di percorrenza previsto ore 5:00.

Referenti: Michele Ferrero, Marco Brocca

15 aprile – [Sci Alpinistica] Canale del Cassoro (Val Maira, vallone di Marmora)

Da Preit di Canosio seguire il tracciato della carreggiabile che porta al colle del Preit fino a quota 1800m circa, dove, in corrispondenza di alcuni tornanti, è visibile l'ampio e lungo canalone che conduce alla cresta che porta alla croce di vetta. All'inizio il canale presenta una pendenza discreta con una impennata circa a metà, quindi segue un lungo tratto a moderata pendenza, quindi una nuova impennata. Il tratto più ripido è compreso negli ultimi 200m prima di raggiungere la cresta finale.

Materiale: sci da scialpinismo, ARTVA, pala, sonda ed abbigliamento adeguato alla stagione ed alla quota.
Altitudine massima: 2776m.
Difficoltà: BSA.
Dislivello: 1236m, tempo di salita previsto ore 4:30.

Referenti: Marco barale, Michele Ferrero

23 aprile – [MTB] Ciclabile delle Risorgive (Pinerolese)

La Via delle Risorgive, conosciuta anche come pista ciclabile Airasca-Villafranca Piemonte, è una pista ciclabile che collega Airasca con Moretta, attraverso i comuni di Scalenghe, Cercenasco, Vigone, Villafranca Piemonte. Il percorso, di tipo misto ciclo-pedonale, presenta fondo in asfalto, realizzato sul sedime della ex linea ferroviaria Airasca-Saluzzo e ha una lunghezza di 19,2 km, totalmente pianeggianti. Data la presenza di numerose risorgive lungo il percorso e nei territori attraversati, la pista ciclabile viene denominata dal 2014 Via delle Risorgive.

Referenti: Luca Palmero, Claudio Boetti

7 maggio – [Lavorativa] Pulizia sentieri

Una giornata dedicata al mantenimento dei sentieri nella zona di Gran Dubbione ed al ripristino della segnaletica orizzontale e verticale presente sui vari percorsi. L’area in manutenzione sarà decisa la settimana precedente in base alla disponibilità di volontari. I luoghi più probabili sono il prato del Visch alla base delle pareti di arrampicata e il sentiero 347 che sale al Colle del Besso.

Materiale: pala, zappa, decespugliatore, motosega e voglia di lavorare.

Referente: Direttivo

28 maggio – [Festa] Pranzo di apertura ai Fornetti

Appuntamento annuale che non si può saltare alla “Casa Alpina Fornetti” in località Gran Dubbione. Una giornata all’insegna dell’amicizia, di ricordi passati e di progetti futuri, il tutto condito da un’ottima carne fatta alla “losa”. Vi aspettiamo numerosi a festeggiare i 41 anni della sezione del CAI di Pinasca.

Materiale: per quest’occasione è assolutamente necessario avere un buon appetito per godere appieno di tutti i manicaretti che i nostri cuochi ci prepareranno.

Referente: Direttivo

11 giugno – [Alpinistica] Monte Niblè 3365m (Val Susa)

Dal parcheggio di Grange della Valle, seguiremo il fondovalle fino al fondo, dove il sentiero si inerpica con innumerevoli tornanti lungo ripidi pendii erbosi, tra stambecchi e camosci. Superato un lastrone roccioso, attrezzato con corda fissa, si continua a salire fino al Colle Est d'Ambin e il Bivacco Blais (2921m). Dal bivacco, si segue la cresta prima rocciosa e facile, poi detritica, fino ad un evidente salto roccioso che si pone davanti. Lo si si supera a sinistra passando sul ghiacciaio Ferrand, si riprende la cresta dove, per tracce di sentiero tra sfasciumi e detriti, si arriva alla vetta.

Materiale: imbrago, corda, scarponi, ramponi, piccozza ed abbigliamento adeguato alla quota ed alla stagione.
Difficoltà: F.
Dislivello: 1585m, tempo di salita previsto ore 5:30.

Referenti: Davide Reinaud, Fabrizio Sanmartino

18 giugno – [Escursionistica] Accompagnando il CAI di Varazze nelle nostre valli

Una escursione culturale/culinaria in compagnia degli amici del CAI di Varazze che ci porterà a scoprire un pezzo di storia delle nostre valli. Sarà un’occasione per suggellare l’amicizia che ci lega con la sezione ligure da oltre dieci anni con una scorpacciata a base di “gofri” offerti dalla nostra sezione.

Materiale: scarponcini, abbigliamento adeguato e voglia di far festa.
Difficoltà: E.
Dislivello: 400m, tempo di salita previsto ore 3:30.

Referente: Direttivo

24, 25 giugno – [Alpinistica] Gran Paradiso 4061m, dal rifugio Chabod (Val d’Aosta)

Uscita alpinistica alla volta del 4000 italiano, il primo giorno si prevede di arrivare al rifugio Chabod (2710m) dove pernotteremo. Il giorno seguente sveglia presto, per raggiungere il ghiaccio che conduce al vallone culminante alla schiena d'asino, qui si incrocerà la traccia proveniente dal rifugio Vittorio Emanuele che conduce alla volta della madonnina di vetta.

Materiale: imbrago, corda, scarponi, ramponi, piccozza ed abbigliamento adeguato alla quota ed alla stagione.
Difficoltà: PD-.
Dislivello complessivo: 2195m.
Tempo di salita: 1° giorno ore 2:00, 2° giorno ore 5:30.

Referenti: Michele Ferrero, Davide Reinaud

9 luglio – [Escursionistica] Monte Albergian 3041m, da Pragelato (Val Chisone)

Da Pragelato saliamo in un bosco di larici fino ad una bergeria, poi a destra in un piccolo avvallamento, verso la vetta, pietrosa ma non difficile.

Materiale: scarponcini, zaino ed abbigliamento adeguato alla stagione ed alla quota.
Difficoltà: EE (si richiede un buon allenamento).
Dislivello: 1523m, tempo di salita previsto ore 4.

Referenti: Ferruccio Clot, Ezio Ferrero

16 luglio – [Escursionistica] Rifugio Livio Bianco 1910m (Val Gesso)

Da Sant’Anna di Valdieri si seguono le indicazioni per il rifugio, su ripida stradina a destra della strada per le terme. Si sale su comoda mulattiera, che si ripida sale da dietro al paese, in un bosco di faggi. Si raggiunge il Gias del Prato (1530m) e la pendenza si fa dolce ed il vallone si allarga. Si procede sul lato sinistro idrografico fino al Gias del Chiot (1700m), e si risale l'ultima parte del vallone fino al lago Sottano della Sella, sì svolta a sinistra si supera il torrente su un ampio ponte ed in 10 minuti si giunge al rifugio con splendida vista sul lago e sulla testata di valle.

Materiale: scarponcini, zaino ed abbigliamento adeguato alla stagione ed alla quota.
Difficoltà: E.
Dislivello: 900m.

Referenti: Luca Palmero, Claudio Boetti

22, 23 luglio – [Alpinistica] Monte Les Bans 3669m (Ecrins, Francia)

Una perla negli Écrins poco conosciuta all’alpinismo di massa, proprio per questo pieno di fascino d’altri tempi. Il primo giorno si parte dalla Berarde (1720m) per raggiungere il rifugio della Pilatte (2572m) su un percorso lungo e pianeggiante. Il secondo giorno si percorre il ghiacciaio omonimo fino a raggiungere il colle, il percorso non troppo faticoso ma che richiede attenzione, crepacci, seracchi e scelta del percorso (per altro sempre ben tracciato). Il tutto è un percorso affascinante in un ambiente selvaggio. Da qua, per una facile cresta si raggiungere la cima.

Materiale: imbrago, corda, scarponi, ramponi, piccozza ed abbigliamento adeguato alla quota ed alla stagione.
Difficoltà: PD.
Dislivello complessivo: 1585m.
Tempo di salita: 1° giorno ore 4:00 (852m) , 2° giorno ore 5:00 (1097m).

Referenti: William Pons (334.5984642 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.), Michele Ferrero

6 agosto – [Escursionistica] Gran Queyron 3060m (Val Germanasca)

Salita ad una cima poco conosciuta dell’alta Val Germanasca. Si lasceranno le macchine a Bout du Col (Prali) percorrendo una strada sterrata generalmente in buone condizioni. Da Bout du Col si prosegue per il Passo Frappier seguendo un ripido sentiero che, con una serie di tornanti, ci porterà prima al colle e poi sulla cima.

Materiale: scarponcini, zaino ed abbigliamento adeguato alla stagione ed alla quota.
Difficoltà: EE.
Dislivello: 1500m, tempo di salita previsto ore 4:00.

Referente: Ezio Ferrero

25, 26 e 27 agosto – [Trekking] Sui sentieri di caccia del Re (Val Gesso)

Un affascinante trekking di tre giorni nel cuore del Parco Naturale delle Alpi Marittime, per scoprire i segreti di questi luoghi meravigliosi. Seguendo la fitta rete di mulattiere utilizzate per le battute di caccia da Re Vittorio Emanuele II, attraverseremo paesaggi estremamente vari: laghi glaciali, praterie alpine, selvagge distese detritiche o rilassanti conche pascolive. Numerosi animali saranno i compagni di viaggio di questo indimenticabile trekking. Il primo giorno partiremo da Terme di Valdieri e raggiungeremo il Rif. Questa ove pernotteremo, il secondo attraverso il Colletto di Valasco scenderemo al Rif. Elena e poi risaliremo al Rif. Remondino, ove pernotteremo. L'ultimo giorno attraverseremo fino al Rif. Bozano e poi scenderemo verso Terme di Valdieri.

Materiale: scarponcini, zaino, sacco lenzuolo, abbigliamento adeguato alla stagione ed alla quota.
Difficoltà: E.
Dislivello: 1° giorno 1000m, 2° giorno 1200m, 3° giorno 600m.

Referenti: Silvano Damiano, Luca Palmero

10 settembre – [Escursionistica] Monte Rocciavrè 2778m (Val Chisone)

Ci recheremo in auto fino al Rifugio Selleries (2023m), si procede fino al lago del Laux (o della muta) e poi per un lungo traverso arriveremo al Rocciavrè.

Materiale: scarponcini, zaino ed abbigliamento adeguato alla stagione ed alla quota.
Difficoltà: E.
Dislivello: 755m, tempo di salita previsto ore 3:00.

Referenti: Ferruccio Clot, Ezio Ferrero

17 settembre – [Escursionistica] Monte Soglio 1971m (Valli di Lanzo)

Salita da Pian Audi, Corio Canavese. La linea generale di salita segue la strada sterrata, si può tagliare per prati in molti punti, che porta al Rifugio Alpe Soglia (1711m); da qui si volta a sinistra per un ripido pendio che porta ad un colle che si intravede a sinistra. Giunti al colle volgere a destra e per facile ed ampia cresta, toccando l’Alpe Rossolo, si giunge in cima dove c’è una Madonnina. Discesa dal versante di salita oppure si può scendere passando dal rifugio. Possibilità di “merenda sinoira” al ristorante Miramonti.

Materiale: scarponcini, zaino ed abbigliamento adeguato alla stagione ed alla quota.
Difficoltà: E.
Dislivello: 1000m.

Referente: Daniela Lepori (3395333156, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.)

24 settembre – [Alpinistica / Escursionistica] Monte Chaberton 3131m, da Batteria Alta (Val Susa)

Una salita al Monte Chaberton al confine fra l'escursionismo e l'alpinismo. La partenza avviene dalle prime case di Claviere attraverso una traccia più impegnativa rispetto alla via normale. È obbligatorio l’utilizzo del casco, protezione necessaria per la presenza di altre persone sul percorso. L’imbrago e le corde possono risultare utili per assicurarsi nelle parti più impegnative del tracciato, utilizzando alcuni split che si trovano sul percorso. Il rientro avverrà attraverso la via normale.

Materiale: scarponcini, casco, imbrago, corda, abbigliamento adeguato alla quota ed alla stagione.
Difficoltà: F.
Dislivello: 1370m, tempo di percorrenza previsto ore 7:00.

 

Referenti: Marino Reynaud, Fabrizio Sanmartino

22 ottobre – [Arrampicata] Giornata di arrampicata in falesia

Giornata di arrampicata in una falesia della zona dedicata a tutte le persone che si vogliono avvicinare al mondo dell'arrampicata.

Materiale: imbrago, scarpette, corda e caschetto. Per chi volesse avvicinarsi al mondo dell’arrampicata, la sezione mette a disposizione l’imbrago ed il caschetto.
Difficoltà: dal 3a fino al 6c e oltre.

Referenti: Michele Ferrero, Davide Reinaud, Loris Dal Cerè

29 ottobre – [Escursionismo] Trekking nelle langhe

Il programma prevede una breve escursione di circa tre ore, attraverso le magiche colline delle Langhe, tra vigneti, boschi di castagni secolari e splendidi panorami. Poi ci recheremo a mangiare in uno dei tanti locali del luogo famosi per la buona cucina concludendo la giornata con “i piedi sotto il tavolo”. La gita sarà organizzata con il pullman, soprattutto per essere liberi di bere qualche bicchiere in più.

Materiale: scarponcini, zaino ed abbigliamento adeguato alla stagione ed alla quota.
Difficoltà: E.

Referenti: Sergio Roberto, Silvano Damiano

18 novembre – [Festa] Cena di chiusura

Quale modo migliore di concludere l’anno 2017 se non quello di trovarsi tutti insieme con le gambe sotto al tavolo, con dell’ottimo cibo e dell’ottimo vino a festeggiare le attività dell’anno e quelle dell’anno che verrà. Durante la cena si terrà l’annuale assemblea dei soci.

Referente: Direttivo